Sala Stampa

De Massimi dopo la vittoria di Doganella: "Abbiamo imparato dalle difficoltà del passato"

0000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000000aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

L'analisi di mister Stefano De Massimi dopo il successo contro il Doganella (1-0).

Mister, una vittoria ottenuta con intelligenza e pochi rischi al cospetto di una squadra che finora si è rivelata fra le più ostiche del campionato. Qual è il tuo commento in merito alla prestazione?

É vero, il Doganella sta facendo un grande campionato basato sull'ordine e sulla solidità difensiva, ma credo che ieri sul loro campo in erba naturale abbiamo mostrato con forza e continuità quello che siamo. Abbiamo cercato la costruzione continua palla a terra, le penetrazioni centrali ma anche l'intelligenza di saper creare ampiezza così di farli aprire un po' di più e prendere spazi per la tecnica dei nostri quattro giocatori offensivi. Sono soddisfatto perchè l'abbiamo preparata bene in settimana, con quattro allenamenti tutti funzionali e d'adattamento alla gara e alle difficoltà che portava.

Campo di Doganella molto simile, per fondo di gioco, a quello di Cori. Stavolta, però, la Vjs Velletri ha saputo far tesoro dei propri errori dettando i ritmi della gara.

Abbiamo fatto tesoro delle difficoltà del passato e di come poi andare ad affrontare questo tipo di terreno. Difatti un allenamento di questa settimana l'abbiamo svolto allo "Scavo A" proprio per l'adattamento di cui avevamo bisogno e visto il risultato e l'intensità con cui lo siamo andati a prendere direi che è stata una scelta fortunatamente indovinata. In questa corsa finale del campionato i dettagli e il sacrificio possono dire molto.

Se c’è una costanza nel cammino della squadra, c’è anche una pecca: quella di non chiudere le partite. Si sciupa troppo in zona gol? Anche ieri sono arrivate almeno tre palle gol clamorose…

Anche ieri abbiamo avuto la possibilità di vincere con un punteggio più ampio che avrebbe dato poi il giusto merito alla prestazione dei ragazzi. Dobbiamo continuare ad allenare queste situazioni in cui la serenità e la consapevolezza del gesto tecnico può dare un maggiore risalto alle occasioni costruite. Sono molto soddisfatto comunque del fatto che il goal l'abbiamo realizzato su una palla inattiva che abbiamo nel bagaglio da un po'. Questo crea nel gruppo fiducia nelle idee e nelle realizzazioni. 

Adesso la Vjs è a +6 sul terzo posto, ma si preannuncia un’intensa fase di campionato fino alla pausa pasquale: cosa bisognerà mettere in campo per tenere il passo?

Il passo è la motivazione, dobbiamo scendere in campo la domenica e questa maglia porta già con sè adrenalina e orgoglio. Bisogna continuare con la nostra idea di gioco che viene continuamente stimolata durante la settimana, essere in poche parole figli di noi stessi, senza distrazioni o tabelle di marcia, senza cercare avversari ipotetici. Aspettiamo la gara di turno la domenica come un esame da superare sempre con ottimi voti.

Prossimo avversario il La Rocca: all’andata finì 1-1, ma soprattutto i rocchigiani hanno messo in difficoltà sempre tutti gli avversari…

Prepareremo col gruppo in settimana la gara martellando l'aspetto condizionale tecnico e tattico senza snaturarci, questo è il bello. Abbiamo dalla nostra parte la serenità del lavoro e la voglia grande di mostrare la nostra identità di gioco in maniera sempre più evidente, un marchio che renda questa vjs Velletri una certezza mai banale.

Sponsor

Visite

0483918
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Scorsa Settimana
Questo Mese
Scorso Mese
Totali
185
1411
5491
5491
16258
18549
483918