Sala Stampa

Intervista a mister De Massimi: "Vittoria sudata, non c'è da stupirsi"

000aaa

Intervista all'allenatore della Vjs Velletri dopo la vittoria sul Tor de' Cenci (3-2).

Mister, una vittoria sudata su un campo ai limiti della praticabilità. Successo meritato?

Sudata sicuramente ma da quello che vediamo ogni domenica su quasi tutti i campi non c'è da stupirsi troppo...al momento della composizione del girone sapevamo un po' tutti della difficoltà di esso, delle singole partite e del calore degli ambienti in esterna. Dire vittoria meritata non sarebbe corretto a mio avviso nei confronti di un Tor de' Cenci che in doppia inferiorità numerica ha dato tutto quello che aveva e poteva sul campo fino al triplice fischio. Posso però affermare che questa per noi é stata una battaglia portata a casa col sudore, con l'unione, con l'attenzione esaltata e nello stesso tempo messa a dura prova dalle condizioni di una campo ai limiti del praticabile e dalle dimensioni ridottissime considerando un'intera fascia allagata. A volte vincere strappando via i tre punti coi denti può emozionare però é importantissimo ugualmente leggere nelle situazioni i difetti per poterli correggere e crescere senza crepe.

Nei primi venti minuti della ripresa un calo psicologico preoccupante, con gli avversari capaci di recuperare due reti in inferiorità numerica. La squadra ha incosciamente pensato di aver già vinto? 

Assolutamente no...la casistica in questo caso non è stata nostra alleata e ha voluto regalare un finale per cuori forti al numeroso pubblico presente. I ragazzi fanno dell'attenzione l'arma in più allenando questo fondamentale in ogni seduta ma evidentemente le strade che portano l'errore vicino allo zero sono ancora distanti però saperlo é già motivo di crescita nel lavoro. Mai sentirsi migliori di altri o di altre squadre...ma questo i ragazzi lo sanno bene, l'umiltà non é vergogna ma virtù.

È il settimo risultato utile di fila: tra pareggi e vittorie si sta costruendo una strada importante e nel segno della continuità... Vedi margini di crescita? 

L'importante resta non porsi limiti o obiettivi fissi. I risultati sono importanti se ti portano sorriso e consapevolezza di un lavoro svolto al massimo coerente con i principi di gioco e di vita che ti fanno vivere il gruppo nelle sue somiglianze e diversità con naturalezza. Questa deve essere la nostra strada e la nostra continuità per crescere come persone, squadra,società, tifoseria e interessati di passaggio. Per natura mi piace guardare ai margini per spingere oltre e cercare il miglioramento anche perché nel momento in cui ti siedi probabilmente accanto c'è qualcuno che corre e ti mangia la merendina e qui nessuno si sente stanco.

Domenica un derby molto sentito contro un Atletico Lariano infarcito di ex e in gran ripresa dopo un inizio non brillante. Sarà una partita a sé al di là della distanza attuale in graduatoria, peraltro prematura da giudicare dopo solo otto turni?

Ci prepareremo in settimana per poter domenica scendere in campo e dare il nostro massimo onorando maglia e impegno. É chiaro che cercheremo ancora di rovesciare ogni pronostico con intelligenza andando a cercare la prestazione perfetta e di conseguenza una domenica da rendere speciale. Chiaramente la classifica non ha senso vederla ora, dicembre dista parecchio da maggio e sicuramente anche i giocatori ancora non hanno espresso il loro massimo potenziale quindi i valori delle squadre ancora possono regalare sorprese nelle zone altissime e nelle zone di rincorsa.

Visite

0642653
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Scorsa Settimana
Questo Mese
Scorso Mese
Totali
1195
540
1773
5901
7594
22283
642653